La corsa con i pesi viene spesso utilizzata e/o consigliata come metodo di allenamento per i runners. Ma è veramente utile?


I pesi da corsa: polsiere, cavigliere e giubbotti zavorrati

Se hai iniziato recentemente a correre e ad allenarti – magari con l’obiettivo di partecipare alle gare podistiche – è possibile che tu abbia ricevuto diversi consigli sulle numerose tecniche di allenamento. Generalmente i corridori più esperti consigliano di fare stretching prima e dopo l’allenamento, di correre al mattino, di seguire un’alimentazione bilanciata.

Alcuni però (forse non i più esperti) consigliano di utilizzare i pesi da corsa per poter ottenere risultati migliori durante le gare podistiche. Questi particolari pesi sono di 3 tipi. Ecco di seguito quali:

  • polsiere
  • cavigliere
  • gilet (o giubbotti) zavorrati.

Polsiere e cavigliere si chiudono sugli arti superiori e inferiori mediante una striscia di velcro. Il loro peso oscilla in genere – a seconda dei modelli – dai 500 g ai 3 kg.

Esistono anche dei modelli con peso maggiore, che arrivano fino ai 18 kg, ma non sono considerati pesi da corsa in quanto renderebbero difficile perfino una camminata. Vengono utilizzati prevalentemente durante esercizi come addominali, flessioni ed in generale esercizi di body building.

I giubbotti invece sono regolabili a seconda del fisico dell’atleta e presentano delle tasche da riempire a proprio piacimento con della sabbia o degli appositi pesi. Questi ultimi possono essere venduti insieme ai giubbotti o separatamente.

Questi particolari attrezzi vengono utilizzati e consigliati per aumentare la potenza aerobica e la resistenza. Ma sono veramente utili oppure sono addirittura dannosi?

correre con i pesi

Immagine tratta da ondeculturali.com

I pesi da corsa sono veramente utili?

Correre con i pesi, ed in particolare con le polsiere e le cavigliere, è generalmente considerato dagli esperti di running uno sforzo inutile, spesso anche controproducente. I motivi che portano a queste particolari considerazioni sono diversi.

Vuoi sapere quali sono? Eccoli subito elencati.

  • utilizzando i pesi sulle caviglie, il baricentro viene spinto verso il basso e la tecnica di corsa viene di conseguenza peggiorata
  • l’azione di corsa, con le cavigliere, è concentrata sulla forza delle cosce e non più sulla spinta dei piedi
  • durante l’utilizzo di cavigliere, polsiere e giubbotti zavorrati solitamente l’acido lattico viene prodotto in misura eccessiva, rendendo l’allenamento inutile
  • le articolazioni vengono eccessivamente sollecitate dai pesi da corsa, e ciò può causare serie lesioni
  • anche i tendini, sia con le cavigliere che con le polsiere, vengono stirati e di conseguenza danneggiati.

Gli infortuni che possono insorgere con l’utilizzo di questi attrezzi sono per esempio l’infiammazione al tendine di Achille, l’infiammazione plantare e la sindrome della bandelletta ileotibiale (o “ginocchio del corridore”). Tutti questi infortuni sono comuni nei corridori, ma ancor più frequenti in chi utilizza pesi da corsa.

correre con i pesi

In conclusione

È comunque vero che i muscoli delle braccia e delle gambe, mediante l’utilizzo di questi pesi, vengono sollecitati in misura maggiore rispetto alla corsa senza il loro utilizzo.

Il rischio di infortunio però aumenta in maniera esponenziale: se vuoi migliorare la forza e la potenza muscolare esistono numerosi allenamenti più sicuri rispetto a correre con i pesi. Uno di questi è il cross training, da praticare in alternanza agli allenamenti di running e che, se eseguito correttamente, ti permette di sollecitare tutti i muscoli.

Bisogna però sottolineare il fatto che l’utilizzo del giubbotto zavorrato non sia dannoso quanto le polsiere e le cavigliere, in quanto il peso risulta essere ben distribuito e non gravare esclusivamente sugli arti. Questo particolare giubbotto però dà beneficio solamente durante gli allenamenti a brevi distanze e attività sportive anaerobiche (come per esempio gli sprint in salita e gli allunghi).

Se vuoi utilizzare il giubbotto zavorrato, ricorda dunque di usarlo durante esercizi di velocità e di non adoperarlo finché con sarai ben allenato, in quanto i rischi di infortuni sono sempre più alti nei principianti.

0