Ecco cinque consigli per migliorare la tua respirazione nel nuoto se sei un principiante.


Respirazione nel nuoto per principianti.

Ti stai approcciando per la prima volta al nuoto e non sai quale sia la corretta respirazione da adottare durante una competizione? Respirare nel modo corretto durante una gara ma anche semplicemente durante l’allenamento, così come accade per le gare podistiche o per qualsiasi altra disciplina, è molto importante.

Se respiri male mentre nuoti potresti rischiare di stancarti facilmente e quindi, questo, potrebbe influenzare negativamente il tuo risultato finale.

Per questo motivo, in questo articolo, vogliamo darti alcuni consigli su come respirare al meglio. Consigli che, per chi è esperto potrebbero sembrare un po’ scontati, ma che ti risulteranno molto utili se sei un principiante.

Iniziamo subito!

Consiglio N°1: allena il tuo ritmo respiratorio.

Il primo aspetto da allenare, per migliorare la tua respirazione mentre nuoti, è il ritmo respiratorio, strettamente connesso all’intensità della nuotata che effettui. Generalmente l’intervallo di tempo consigliato è ogni 2/5 bracciate.

Ovviamente, se sei agli inizi, non ci aspettiamo che tu riesca a respirare poco e a mantenere una certa velocità, come sono in grado di fare i nuotatori agonistici.

Cerca di rispettare i tuoi tempi e di non voler strafare: prima di riuscire a respirare ogni tre bracciate, come in genere fanno i nuotatori nel triathlon, in particolare su lunghe distanze, dovrai allenarti e capire quale ritmo respiratorio sia più adatto a te.

Sappi inoltre che, maggiore sarà la fatica più semplice sarà riuscire a respirare ogni due bracciate. Ma non correre: questi risultati arriveranno con il tempo e con l’allenamento costante.

Consiglio N°2: respira su entrambi i lati.

La respirazione bilaterale è molto utile soprattutto per il nuoto in stile libero. Non è così semplice come potrebbe sembrare: anzi, sono ancora molti i nuotatori di livello agonistico che fanno fatica a nuotare respirando su entrambi i lati senza ingerire acqua, prediligendo così una respirazione su un lato piuttosto che un altro.

Il saper respirare su entrambi è vantaggioso rispetto alla respirazione unilaterale perché ti aiuta a bilanciare meglio il tuo corpo e a prevenire eventuali infortuni indesiderati.

Saremmo ipocriti a dirti che è semplice imparare a farlo: ma proprio perché, non è così semplice come si potrebbe pensare è bene iniziare ad allenarsi da subito.

Consiglio N°3: espira bene.

Espirare in acqua è il miglior metodo per faticare meno e avere una maggiore resistenza. Questo perché ti permetterà di assumere una maggiore naturalezza e a restare rilassato.

Sembrerà un paradosso, ma restare rilassati mentre si nuota, anche durante una competizione è fondamentale. Ti sconsigliamo di irrigidire i tuoi muscoli e di ruotare totalmente il tuo corpo durante la nuotata, perché così facendo, ti stancherai più facilmente e farai fatica a respirare bene.

Cerca infatti di ruotare il più possibile, in maniera rilassata, il tuo collo e non il resto del corpo.

Consiglio N°4: attenzione allo sguardo e all’inclinazione della testa.

Respirazione nuoto per principianti

La posizione corretta della testa mentre si nuota, per agevolare la respirazione, è quella di tenerla “appoggiata” sull’acqua. L’errore più comune e più grave che si possa fare è invece quello di immergere totalmente il capo sott’acqua, ogni qualvolta che la mano (dal lato della respirazione) sia in fase di presa.

Inoltre, cerca di non tenere lo sguardo troppo rivolto né verso l’alto né verso il basso. Se il tuo sguardo è rivolto verso l’alto faciliterai l’affondo del bacino e, quindi, rallenterai conseguentemente la tua nuotata. Se è rivolto verso il basso, invece, si ottiene un’eccessiva oscillazione del corpo e, quindi, anche una conseguente perdita di coordinazione nella tua nuotata.

Cerca piuttosto di tenere lo sguardo rivolto verso il tuo lato, quando effettui la rotazione, oppure davanti a te.

Consiglio N°5: esegui una corretta rotazione del corpo.

L’ultimo consiglio è molto importante perché se si esegue una corretta rotazione del corpo mentre si nuota, questa faciliterà anche la tua respirazione. Ricordati che la rotazione può essere effettuata sia a destra che a sinistra.

Quando si compie la rotazione del busto, fai attenzione a non ruotare eccessivamente la testa per respirare.
Per non farlo, quando inspiri, rimani con lo sguardo rivolto verso il tuo lato e mai verso l’alto, come già ti abbiamo detto prima.

Perché, così facendo, il corpo si muover troppo lateralmente e potresti rischiare di perdere l’equilibrio.

Conclusioni.

Cosa aspetti a provare i consigli che ti abbiamo dato in questo articolo? Siamo sicuri che se ti allenerai adottando questi piccoli accorgimenti riuscirai sicuramente a risparmiare energia e fiato e a respirare nel miglior modo possibile.

Buon allenamento!

3+