Spezzare o rompere il fiato: cosa significa e come imparare a farlo?


Spezzare il fiato: un termine molto utilizzato dai corridori

Se hai appena iniziato a correre o, prima di cominciare con gli allenamenti, ti stai informando sull’argomento, ti sarà probabilmente capitato di sentire il termine “spezzare il fiato” senza conoscerne il significato. Se invece non ti è ancora capitato, sappi che sicuramente succederà molto presto.

Questa particolare espressione viene generalmente utilizzata dagli esperti di running e di gare podistiche, ma non si tratta di un termine tecnico. Proviene infatti dal gergo dei podisti e viene utilizzato per indicare il raggiungimento del livello cardio-respiratorio adatto a sopportare un pesante sforzo fisico e mentale. Tale sforzo è dato soprattutto dalle gare podistiche e da sedute di allenamento molto intense, come per esempio le ripetute.

Riuscire a spezzare il fiato significa dunque essere capace di sostenere un duro allenamento senza avvertire il senso di stanchezza, arrivando a svolgere gli allenamenti più faticosi mantenendo respiro e frequenza cardiaca regolari. Raggiungere questo status è molto importante se vuoi partecipare alle gare podistiche, perché ti permette di affrontare al meglio sia le competizioni sia le sedute di allenamento che le precedono.

Consigli per spezzare il fiato

A questo punto ti starai probabilmente chiedendo: “Cosa devo fare per spezzare il fiato?”

Ebbene, la risposta forse non ti piacerà: riuscire a rompere il fiato non prevede l’applicazione di una tecnica, ma è molto soggettivo. Quel che è certo però è che tale condizione si raggiunge in seguito ad una buona seduta di riscaldamento, della durata di circa 20-30 minuti, in modo da raggiungere la perfetta ossigenazione muscolare.

È consigliabile seguire sempre lo stesso tipo di riscaldamento, e studiarlo a fondo magari con l’aiuto di un allenatore, in modo da eseguire degli esercizi efficaci che ti permettano col tempo di non accusare il senso di fatica. Sottolineiamo il termine “col tempo”: non è possibile infatti riuscire a spezzare il fiato dopo una sola seduta di riscaldamento.

Bisogna prima di tutto allenarsi costantemente, trovare il riscaldamento giusto per il proprio organismo ed applicarlo fino a riuscire a raggiungere lo status perfetto.

spezzare il fiato allenamenti corsaSe non esiste una tecnica perfetta per tutti, esistono però degli esercizi di riscaldamento più quotati. Per esempio, alcuni atleti preferiscono riscaldarsi correndo ad un ritmo decisamente moderato e poi intensificandolo durante gli ultimi 10 minuti. Altri – anzi, gran parte dei podisti – prima preparano i muscoli con lo stretching e poi eseguendo una lunga serie di allunghi.

In particolare gli allunghi sono molto indicati prima di iniziare le ripetute, perché permettono al corridore non solo di arrivare ad un livello cardio-respiratorio ideale, ma anche di migliorare la tecnica di corsa e l’appoggio.

Vorresti eseguire gli allunghi per riuscire a spezzare il fiato? Allora ecco alcune importanti caratteristiche riguardanti questa tecnica di riscaldamento:

  • gli allunghi si eseguono su distanze che possono variare dai 50 ai 100 metri
  • durante la loro esecuzione, la frequenza dei passi e la velocità aumentano progressivamente
  • rispetto alla classica corsa, durante gli allunghi le ginocchia vengono sollevate maggiormente, ed il busto risulta così più inclinato
  • per darti un’idea della velocità di corsa, sulle distanze di 100 metri ogni allungo dovrebbe svolgersi al massimo in 25″.

L’importanza della fase di defaticamento

Dopo aver effettuato il riscaldamento, aver spezzato il fiato e aver compiuto un allenamento intenso, è molto importante defaticare il corpo in modo da non creare scompensi. Spesso il defaticamento viene sottovalutato e tralasciato, ma in realtà è molto utile e dovrebbe essere praticato dopo ogni allenamento.

Vuoi sapere perché? Ecco qualche motivazione:

  • il defaticamento riporta gradualmente il battito cardiaco al ritmo pre-allenamento
  • fa in modo che il sangue, che durante gli allenamenti si concentra soprattutto sugli arti inferiori, riprenda la sua normale circolazione
  • aiuta ad eliminare l’acido lattico prodotto sotto sforzo
  • riduce il livello di adrenalina.

Per defaticare il tuo corpo puoi svolgere gli stessi esercizi scelti durante il riscaldamento volto a spezzare il fiato.

Conclusioni

Affinando il tuo riscaldamento e la tua tecnica di corsa riuscirai sicuramente a spezzare il fiato nel giro di poco tempo!

Buon allenamento!

0